Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SC-SALUTEUMANA Scuola di Scienze della Salute Umana
Home page > Scuola > Newsletter n° 03/15 > La voce degli studenti > Newsletter 02/2014 > La ricerca e l’industria farmaceutica presentata ai giovani

La ricerca e l’industria farmaceutica presentata ai giovani

Il giorno 28 febbraio si è svolto presso il Plesso didattico di Viale Morgagni un incontro tra la Società Italiana di Farmacologia (SIF) e Farmindustria dal titolo “Il Farmaco: Strategie Terapeutiche Innovative: Collaborazione tra Pubblico e Privato”, rivolto agli studenti dei Corsi di Laurea in Farmacia, CTF e Scienze Farmaceutiche Applicate. Tale evento, introdotto dal Prof. Alessandro Mugelli (Direttore del Dipartimento NEUROFARBA), dalla Prof.ssa Carla Ghelardini (Presidente del CdL in Farmacia) e dal Dott. Alberto Zanobini (Responsabile del Settore Ricerca della Regione Toscana) si è svolto alla presenza del Presidente della SIF (Prof. Francesco Rossi) e della Vicepresidente di Farmindustria (Dott.ssa Lucia Aleotti).

L'evento, ultimo di una serie che dal 2000 fino ad oggi sono stati organizzati in varie sedi universitarie italiane, ha offerto ai circa 250 studenti presenti, impegnati in pertinenti discipline scientifiche, l'opportunità di incontrare, accanto alla ricerca accademica, il mondo della ricerca farmaceutica industriale con il suo elevato contenuto tecnologico e le sue competenze professionali.

Lo scopo della manifestazione è stato quello di trasmettere agli studenti non solo il valore della ricerca ma anche di far loro conoscere le prospettive occupazionali che il settore farmaceutico può offrire, i progetti di orientamento e le strategie che l’Università, in collaborazione anche con la Regione Toscana, sta attuando per la formazione e la qualificazione di coloro che vorranno dedicarsi allo studio delle scienze farmacologiche. Nel corso della mattina si sono succedute quattro relazioni su temi di ricerca molto innovativi quali, per es., le nuove terapie con cellule staminali e l’approccio nanotecnologico tenute dai Prof.ri Claudiu Supuran, Alessandro Vannucchi, Paola Romagnani ed Annarosa Arcangeli.

A questa sessione ne è seguita una seconda avente per titolo “Collaborazione tra Pubblico e Privato nel sistema Farmaco”, alla quale hanno partecipato, oltre al Pro-Rettore alla Ricerca Prof.ssa Elisabetta Cerbai ed al Trasferimento Tecnologico Marco Bellandi, anche l’Ing. Marco Masi, Responsabile del Settore Promozione e Sostegno alla Ricerca della Regione Toscana ed il Dott. Andrea Paolini, Direttore della Fondazione Life Sciences. I Relatori hanno focalizzato l’attenzione sulle strategie già messe in atto sia dall’Ateneo fiorentino che dalla nostra Regione e dal Distretto Regionale al fine di potenziare la formazione alla ricerca attraverso la descrizione dei progetti finalizzati alla promozione ed allo sviluppo nell’ambito delle Scienze della Vita.

Infine sono state descritte le nuove realtà e prospettive occupazionali attraverso gli interventi dei Dott. Sabrina Baldanzi (AstraZeneca), Duccio Mattii (Novartis Vaccines and Diagnostic), Angela Capriati (Menarini Ricerche) e Lucio Rovati (Rottpharm-Madaus). I Relatori hanno descritto le attività regolatorie e di Farmacovigilanza che si svolgono all’interno delle aziende farmaceutiche nonché l’approccio che deve essere seguito per ottenere un’ottima qualità farmaceutica in ambito dei vaccini e per condurre al meglio una ricerca clinica senza trascurare il valore sociale ed economico del settore farmaceutico. E’ stata quindi posta particolare attenzione nell’evidenziare le opportunità di inserimento professionale dei giovani in un’area strategica di rilevante importanza quale quella del settore farmaceutico, e come la cooperazione tra pubblico e privato sia il presupposto necessario per il raggiungimento di risultati positivi nel campo della ricerca e dell'innovazione tecnologica.

Agli studenti è stato ribadito come solamente attraverso il contributo attivo di un sistema integrato, capace di mettere concretamente i laureati in contatto con il mondo del lavoro, si possa avere una spinta per l’occupazione da cui potrà derivarne, come inevitabile ed auspicabile ricaduta, uno sviluppo economico.
L’incontro ha rappresentato un’opportunità preziosa per trasmettere agli studenti il valore della ricerca
in tutti i suoi molteplici aspetti.

 
ultimo aggiornamento: 08-Mag-2014
Unifi Home Page

Inizio pagina