Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SC-SALUTEUMANA Scuola di Scienze della Salute Umana
Home page > Scuola > Newsletter n° 03/15 > Articoli e recensioni > Newsletter N. 03/2014 > Francesco Antonini. La vita e le intuizioni di un geriatra

Francesco Antonini. La vita e le intuizioni di un geriatra

Autore: G. Ferretti
Anno di pubblicazione: 2013
Polistampa
Pagine: 160
Prezzo di copertina: 10 €
Recensione prof. D. Lippi (Professore Associato MED/02)

 

Nella collana "Libro verità", che l'Editore Mauro Pagliai inaugurò, nel 1996, con Il libro di Alice, raccolta di pensieri e riflessioni della piccola Alice Sturiale, trova ora spazio questo ricordo di Francesco Antonini (1920-2008), che fu il titolare della prima Cattedra al mondo di Gerontologia e Geriatria: Firenze, 1962.
Quest'anno, si festeggiano i 100 anni di Careggi, il più grande ospedale fiorentino, luogo di eccellenza della Sanità toscana, erede di una tradizione che vede tra i suoi nomi di spicco, proprio quello di Francesco Antonini.
La voce narrante è quella di Giovanna Ferretti, segretaria all'Istituto di Gerontologia e Geriatria dal 1963 al 1983.
Ma, sicuramente, ben più di una segretaria nel senso stretto del termine, se intesa come funzionaria immersa in azioni burocratiche e drammi quotidiani dell'amministrazione: Giovanna Ferretti, come racconta lei stessa, imparò a leggere emocromi e VES, a occuparsi della vetreria, a svolgere mansioni ben diverse da quelle che, forse, erano richieste dalla sua figura professionale.
E -senza forse- sta proprio qui il segreto del successo di questo libro di ricordi, che ripercorre la storia di un uomo e di un'idea: la diversa attenzione al mondo della Terza età (o Età libera?), inaugurata da Francesco Antonini, avrebbe segnato una svolta epocale, un modo nuovo di concepire tutta la Medicina, svincolata dalle regole del guarire, per assumere le responsabilità del prendersi cura.
La Scuola fondata da Enrico Greppi e l'eredità raccolta e resa fertile da Francesco Antonini sono una realtà ancora oggi tangibile nel contesto sanitario, in un quadro della patocenosi marcato da polimorbilità, malattie croniche e degenerative, in un contesto sanitario, che spesso dimentica di indicare i modelli positivi, le risorse, la qualità della vita.
Ricordi, testimonianze, memorie: la storia di questo percorso scientifico e umano, ma anche istituzionale e accademico, viene richiamata alla memoria attraverso la prospettiva di chi ha vissuto quotidianamente questa realtà. Nomi, personaggi, episodi: le storie narrate in questo libro hanno il sapore forte e deciso dell'attualità. E, per apprezzare consapevolmente la portata della svolta fiorentina, basti pensare al contesto storico più generale.
Vecchiaia come non produttività e vecchiaia come peso sociale: l'appartenenza dei vecchi alla moltitudine dei poveri aveva comportato da sempre misure correttive dell'emarginazione e dello sbando sociale, quali l'elemosina e la pietà. Nel Cinquecento furono le Confraternite a fondare un primo rinnovamento dell'assistenza e, alla fine del XVI secolo, si diffusero strutture protette per anziani e vecchi, che conosceranno la loro massima espansione con le applicazioni delle norme di Polizia medica di J.P. Frank, nel Settecento. Successivamente, nel periodo post-bellico, tornò a presentarsi il binomio povertà-pericolosità sociale, ma il grey-boom degli anni successivi impose una rilettura del fenomeno e gli anziani furono "scoperti" come categoria destinataria di cure specifiche.
Il processo inizia negli Stati Uniti, ma coinvolge ben presto l'Europa, dove l'organizzazione sanitaria si confronta con le nuove emergenze: gli interventi normativi in Italia riflettono una situazione in mutamento, che culmina col Progetto Obiettivo Anziani del 1992, seguito da una serie di iniziative, che denotano la volontà di una progettazione a livello organizzativo e formativo.
In questo percorso, Francesco Antonini ha avuto un ruolo di primo piano, nell'aver saputo cogliere la necessità di queste istanze, ponendosi obiettivi, costruendo intorno a sé una squadra, traducendo in pratica le idee, mettendo in atto le soluzioni e fondando una scienza.
Grazie a questo volume di ricordi, questo ruolo può essere ricostruito ed apprezzato, lontano dall'agiografia, nell'immediatezza viva delle testimonianze.

 
ultimo aggiornamento: 15-Gen-2016
Unifi Home Page

Inizio pagina