Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SC-SALUTEUMANA Scuola di Scienze della Salute Umana

Medici in cerca d'autore

Autore: L. Speranza
Anno di pubblicazione: 2012
Il Mulino - Bologna
Pagine: 328
Prezzo di copertina: 25 €
Recensione prof. D. Lippi (Professore Associato MED/02)

 

Autore di questo volume, finanziato dalla Fondazione Smith Kline e dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, è il sociologo Lorenzo Speranza, che già in passato si è occupato delle problematiche legate al mondo della Medicina, avendo pubblicato, nel 2008, "I medici in Italia: motivazioni, autonomia, appartenenza", con W. Tousijn e G. Vicarelli.
In questo corposo volume, il cui titolo prende lo spunto dall'opera di Luigi Pirandello "Sei personaggi in cerca d'autore", Speranza capovolge la prospettiva della Medicina narrativa, generalmente impostata sulle narrazioni dei pazienti, per dar voce ai medici.
Nella storia della Letteratura, sono numerosi i casi di medici che hanno lasciato ampie testimonianze scritte delle loro esperienze professionali: basti pensare a Le memorie di un giovane medico di Bulgakov, una antologia di racconti, che hanno come protagonista un neolaureato in medicina, che, responsabile di un piccolo ospedale di campagna, si sente gravato dal peso dei disagi e dei rischi della sua professione, provando con costante trepidazione, il distacco tra la preparazione accademica e l'esercizio pratico.
Altre prospettive sono quelle di Čechov, Cronin, Céline, Munthe, e, ancora, indirettamente, di Kafka e Capuana...
Quindici storie, ricostruite attraverso numerose interviste, costituiscono il corpus del lavoro di Speranza, che ha raccolto le testimonianze di altrettanti specialisti, che hanno raccontato le loro vicende professionali, le loro motivazioni, i loro ricordi.
Nella parte introduttiva, l'autore espone gli obiettivi e i metodi, insistendo in maniera particolare sui fattori stimolanti e i profili identitari del medico, dal punto di vista dell'etero-riconoscimento e dell'auto-riconoscimento.
Vocazione o professione? Arte o Scienza?
I perché di una scelta: alle matricole delle Facoltà di Medicina viene spesso rivolta questa domanda.
Tra le risposte, ricorre sempre il tema della "predestinazione", della filantropìa, della speranza di un lavoro sicuro.
E, ancora, quanto pesano, poi, le motivazioni originarie nell'esercizio della professione?
A questo interrogativo rispondono, in parte, alcune di queste storie, a cui non è, però, estraneo un atteggiamento vagamente retorico: nella ricostruzione autobiografica, la prospettiva non appare sufficientemente distante ed è inevitabile un eccesso di partecipazione emotiva (sacro fuoco, innamorata del mio lavoro, mi sento scienziato, manto magico nella mia formazione culturale...), così come il punto di vista pare viziato dalla prospettiva geografica limitata (una provincia di medie dimensioni del Mezzogiorno), anche se l'autore sostiene, in una precedente pubblicazione, che non sia un elemento determinante.
E' difficile trarre le fila di questo mosaico di esperienze, da cui la figura del medico appare come quella di un "sacerdote di un rito che rinforza nel simbolo la sicurezza di sé. E trasmette fiducia a chi lo consulta". Il simbolo è il camice bianco (e l'ipertensione da camice bianco?), paragonato alla toga del giudice...
Storie di medici, di chirurghi, di professionisti affermati.
Come scrive l'autore tra i Ringraziamenti: "Vorrei ringraziare innanzitutto le dottoresse e i dottori che hanno avuto la pazienza di ascoltarmi e la voglia di raccontarsi": dottore è la qualifica tradizionalmente spettante a chi abbia conseguito un titolo di studio di livello universitario.
L'uso del termine, per indicare, per antonomasia, il laureato in Medicina e Chirurgia, retaggio di una sorta di soggezione nei confronti del medico chirurgo, ricorda il dialogo del dramma giocoso di Carlo Goldoni, "Il signor dottore" (1758):

FABRIZIO Vostro figlio è dottore?
BELTRAME Il mio figliuolo ora è il signor dottor.
FABRIZIO Me ne consolo. Di legge o medicina?
BELTRAME Eh, non signore, non è medicinale: egli è un strepitosissimo legale. 

 
ultimo aggiornamento: 27-Apr-2015
Unifi Home Page

Inizio pagina